logo-osmoterra

FAQ - Risposte alle domande più frequenti e per saperne di più:

Domande Risposte
Su quali materiali funziona meglio il sistema Osmoterra?
Su vetro, ceramica, plastica, legno e metalli non vi e` alcun effetto. Si e` visto tuttavia che il legno può asciugarsi indirettamente se e` stato bagnato dalla muratura, di conseguenza asciugandosi quest'ultima anche le parti in legno a contatto si asciugano, es. battiscopa, parquet, etc. Sul tufo, data la sua natura particolarmente porosa, si e` osservata una riduzione di umidità in tempi più lunghi della media; con questo tipo di mattone l'asciugatura avviene anche e soprattutto attraverso i materiali leganti (malta). Su tutti gli altri materiali l'asciugatura e` da buona ad eccellente (mattoni, laterizio, cemento, calcestruzzo, calce, intonaci, etc.).
Il vostro sistema e` adatto anche per piani interrati e cantine?
Si. Il nostro dispositivo Proteo e` perfettamente efficace anche nelle cantine e nei piani interrati o seminterrati in quanto la particolare forma del campo elettromagnetico favorisce l'allontanamento dell'acqua verso il basso e radialmente. Svolge egregiamente la sua azione anche nel caso di muri contro terra.
Non va dimenticato che la maggior parte dell'acqua proviene da sotto e solo una minor parte di lato. Occorre quindi fare attenzione in quei casi dove l'acqua, per effetto di forte pioggia, allagamenti o altre cause eccezionali, entra A PRESSIONE dal terreno infiltrandosi nel muro. In questi casi occorre far chiudere le falle da cui entra l'acqua (crepe, spaccature o altro) con i metodi tradizionali. La parte che entra per risalita potrà essere efficacemente rimossa col Proteo.
E` importante non cadere in inganno confondendo le due cause descritte di umidità: uno scannafosso o una controparete separano bene un muro dal terreno ma non hanno alcun effetto contro l'acqua di risalita dal basso, mentre il nostro sistema e` perfettamente efficace contro la risalita capillare ma non può nulla contro l'acqua che scorre ad es. da una crepa nel muro.
Ecco quindi di nuovo evidenziata l'importanza di un sopralluogo accurato fatto da personale competente e di ogni altra informazione utile sull'immobile: piantina, foto, etc.
Ho un casa con un piano terra e un primo piano. Al primo piano ho muffa in alcuni punti delle pareti. Possibile che anche quello sia causa dell'umidità di risalita?
Può essere, ma ogni situazione va analizzata correttamente; ecco altri esempi:
1) E` presente umidità di risalita in misura rilevante, una parte di acqua che sale dal basso nelle mura colpite evapora nell'aria e per via del riscaldamento, correnti d'aria od altri moti convettivi, potrebbe salire al piano superiore e condensare su un ponte termico, cioè una zona del muro che rimane più fredda (una trave di cemento o altro materiale non correttamente isolato), bastano anche pochissimi gradi di differenza per far condensare il vapore;
2) in Estate, aria calda umida (quindi più pesante) se fatta entrare al piano terreno o in una cantina, dove l'aria e` più fresca, può condensare in forma liquida (quando l'aria esterna e` più calda conviene tenere le finestre della cantina chiuse);
3) se in casa abitano più persone del normale e per molte ore al giorno, oppure si svolgono attività che producono molto vapore (ad es. cucinare o stirare per ore ogni giorno...) l'aria in casa diventa troppo umida, questa umidità dovrebbe essere evacuata con un aspiratore (vedi caso successivo);
4) In specifici ambienti dove si produce comunque condensa (es. bagni, docce, cucine, camere da letto) e` auspicabile ventilare ed evacuare tale umidità in eccesso, ad es. con un aeratore a controllo elettronico dell'umidità della serie Helios M1
Ma queste frequenze potrebbero recare qualche danno?
No, nella maniera più assoluta. Si tratta di frequenze e intensità estremamente basse.
Ecco qualche dato tecnico:
- All'aumentare della frequenza aumenta anche l'energia che un dispositivo emette, e il nostro Proteo lavora su frequenze bassissime;
- La preoccupazione maggiore in fase di progettazione, oltre naturalmente all'efficacia del sistema, e` sempre stata quella ovviamente di emettere il meno possibile di campi elettromagnetici, ma fare in modo che quelli che vengono emessi siano specificatamente studiati per lo scopo che ci si prefigge e non di interagire in alcun modo con persone o animali;
- Tanto per fare un raffronto: l'intensità di un campo elettrico si misura in Volt per metro (V/m) e il Proteo non arriva ad emettere 0,2 V/m (zero virgola due), una quantità irrisoria anche perchè secondo alcuni studi i rischi sono trascurabili al di sotto di 6 V/m (che poi e` il limite di esposizione ai ripetitori cellulari,radio e tv in Italia).
Vediamo quanto emettono approssimativamente altri apparecchi di uso comune:
Tostapane: 40 V/m - Ferro da stiro: 60 V/m - Asciugacapelli: 40 V/m - Frigorifero: 60 V/m - Mixer: 50 V/m - Monitor da computer: da 10 a 60 V/m -
si vede quindi che il livello emesso dal Proteo non solo e` una frazione di quanto ammesso dalle normative, ma anche su frequenze molto basse. Si può quindi affermare che la frequenza prodotta dal nostro dispositivo e` ampiamente sicura, cosa peraltro confermata anche dalle certificazioni emesse da severi enti di controllo tedeschi. VEDERE QUI
Perchè non indicate il prezzo del vostro sistema sul sito?
Data la notevole varietà di offerte anche di dispositivi, metodi e sistemi tra loro molto differenti sia come concetto, funzionalità e costo; e` necessario, prima di parlare di prezzo, che il possibile cliente sia correttamente informato non solo dell'esatta natura del problema che lo affligge, e ciò e` possibile solo dopo una accurata anamnesi, ma anche e soprattutto di tutto il sistema che lo porterà ad avere una casa più asciutta e sana. I nostri prezzi sono inoltre omnicomprensivi, in pratica sono "chiavi in mano", nemmeno un euro di più viene richiesto fino al conseguimento del risultato. Quindi per poter ben decidere se il nostro sistema e` quello adatto prima enumeriamo nella maniera il più possibile esauriente la nostra soluzione e dopo si arriva al prezzo. Prezzo che, anche se conveniente in rapporto ai risultati, deve essere eventualmente confrontato con un altre soluzioni che forniscano caratteristiche, garanzie e risultati paragonabili. Altre variabili che possono influire sul prezzo sono comunque anche: posizione dell'immobile, grandezza della parte da trattare, località e tipologia dell'immobile.
La mia casa e` stata costruita decenni fa e non ha mai avuto il fenomeno della risalita capillare, ma da quando si e` allagato il piano terra per la rottura di una tubatura, ho cominciato, nonostante si sia asciugata da mesi tutta l'acqua che era entrata, a notare che l'intonaco si rovinava, la vernice sbollava e ho cominciato ad avere sensazione di umido in quella stanza. Com'e` possibile?
Questo e` un fenomeno con cui a volte veniamo in contatto; e` difficile naturalmente dare una risposta precisa ma in linea generale si può formulare un'ipotesi: dato che il muro si comporta come una spugna, e` possibile dire che in qualche modo, nel momento in cui viene imbevuto di acqua, il muro si "inizializza".
In altre parole il muro si comporta come una spugna per pulire il bagno: se lasciata asciugare perfettamente al sole, questa si secca e quando si tenta di usarla per assorbire l'acqua (cioe` di togliere l'acqua usando il fenomeno della capillarità), questa non l'assorbe bene finchè non sia stata sufficientemente imbevuta. Solo da quel momento in poi, comincierà a fare il suo lavoro, ovvero assorbire acqua. Anche se strizzata rimane comunque umida e continua ad assorbire bene.
Qualcosa di simile succede con quelle mura: probabilmente dal terreno la pressione capillare non e` forte ed il muro rimaneva asciutto, come la spugna lasciata seccare al sole; dal momento in cui si e` imbevuto comincia ad assorbire molto meglio l'acqua di prima, favorendo il fastidioso fenomeno.
E` appena il caso di dire che anche questo problema può essere definitivamente risolto col nostro sistema.
Immagino abbiate delle referenze nella mia zona a cui chiedere come e` andata...
Certo. Il numero dei clienti di riferimento aumenta di mese in mese. Alcuni casi sono QUI. Per ovvi motivi di privacy non possiamo pubblicare i dati dei clienti ma su richesta specifica e` possibile contattarli e chiedere loro direttamente.
?    Link - collegamenti a siti esterni per saperne di più sugli argomenti trattati
Traduz.google da deutsche biographie: il Prof. Ferdinand von Reuss - scopritore del fenomeno della elettrosmosi
Prof. Ernst, Premio Nobel per la Chimica
Chimicare: l’acqua - il caso anomalo intorno a noi
Unive.it: i liquidi, la forze di coesione, la capillarità
Wikipedia: Muffa - di cosa si tratta
Che cos'e` la capillarità
Efflorescenza
Salnitro

n.b. I collegamenti proposti sono esterni quindi al di fuori del nostro controllo e non se ne assume alcuna responsabilità, vengono elencati esclusivamente a titolo informativo.
Avanti